Internet della gente e open source


Ultimamente sono successe una serie di fatti che, messi in fila, mi fanno perdere fiducia nell’italiano medio.

L’ultima di queste riguarda Wikipedia. Mi sono dato da fare un bel po’ per introdurre sulla pagina di wikipedia relativa alla Conservazione Sostitutiva una lista delle varie soluzioni software a supporto dell’implementazione del processo. La lista è cresciuta piano piano (c’è voluto quasi un anno) ma alla fine erano presenti 7 prodotti.

Chiunque cerchi in rete per la prima volta il termine Conservazione Sostitutiva si imbatte in wikipedia ed ha (scusate, aveva) la possibilità  di farsi un’idea delle soluzioni esistenti.

Secondo me è stato un GRAN RISULTATO!

Purtroppo però qualche giorno fa gli amministratori di Wikipedia hanno deciso di eliminare la sezione! Non contesto la scelta degli amministratori, hanno fatto BENE! Vorrei pubblicamente INSULTARE quel DEMENTE che si è messo a giocare con la lista per mettere il proprio software in cima alla lista.

Questo COATTO pretendeva che nessuno avesse nulla dire se il suo software avesse iniziato a “scalare la classifica”, senza nessun rispetto per il lavoro degli altri. Dopo il secondo tentativo con il relativo annullamento gli amministratori hanno deciso di tagliare la testa al toro ed eliminare la sezione. La perdita è, secondo me, per tutti, non solo per i 7 produttori che erano in lista.

BRAVO! Faccio i più sinceri complimenti a questo italiano medio (P.S. se volete sapere chi è il colpevole dovete visitare la cronologia della pagina su wikipedia).

L’altro fatto che mi lascia amareggiato riguarda l’atteggiamento che molte aziende hanno rispetto la licenza sotto cui viene rilasciato SineKarta, ovvero la licenza open source GPL.

Lo so che non dovrei toccare questo argomento, quando abbiamo scelto la strategia sapevamo benissimo a cosa saremmo andati in contro. Sapevamo benissimo che per molte persone open source significa semplicemente GRATIS ed eravamo preparati ad affrontare questo atteggiamento.

Quello che non mi aspettavo (e parlo solo per me, me lo avevano detto ma non ci volevo credere) è che questa convinzione fosse spesso radicata anche nella mentalità  dei produttori di software.

Ho già  spiegato la strategia di SineKarta, se volete potete rileggervi questo articolo. Il punto è che entrambe le questioni (wikipedia e open source) sono, a mio parere, legate. Il mondo sta cambiando ed internet è il motore di questo cambiamento.

Il cambiamento è guidato dalle comunità  di utenti come wikipedia ed i vari social network. E’ inutile opporsi ed è inutile tentare di fare i furbi, la gente prima o poi se ne accorge e sistema le cose; ha il potere di farlo!

Ma internet è anche fatto di informatica e gli informatici sono i maggiori promotori di internet. L’open source è lo strumento che gli informatici hanno raffinato per permettere alla gente di contribuire alla realizzazione dei prodotti software.

Se siete dei produttori di software e non capite la filosofia di internet e dell’open source fateci un favore, non contattateci! Noi ci limiteremo a stare seduti sul bordo del fosso a guardare la spazzatura trasportata dalla corrente.

Quasi dimenticavo!!! Ho spostato la nuova matrice delle soluzioni software a supporto della Conservazione Sostitutiva su una pagina del wiki di SineKarta, ecco il link : https://sourceforge.net/apps/trac/sinekarta/wiki/ElencoSoluzioni. Spero sia ancora utile come lo era quando era ospitata su wikipedia.

Annunci

SineKarta 2.0 : rescheduled!


Come vi sarete accorti, ultimamente le attività  “social” di SineKarta sono calate; voglio rassicurare tutti i lettori di questo blog e gli estimatori del progetto: SineKarta è più “vivo” che mai.

Non ci nascondiamo dietro un dito però, JENIA Software (principale sponsor del progetto) è una piccola realtà  (anche se in forte crescita); il progetto SineKarta piace a molti e sta generando una quantità  di lavoro inaspettata.

Il motivo principale che ci ha costretto a rallentare riguarda un progetto che ci è stato commissionato da una GRANDE multinazionale; abbiamo dovuto sfruttare le competenze acquisite con l’integrazione delle MFP Toshiba per integrare con Alfresco gli scanner ad elevate prestazioni di un’altra nota casa produttrice. Tramite SineKarta vengono scannerizzati quasi 20.000 fogli al giorno, producendo su Alfresco oltre 10.000 documenti PDF/A. Il software è in grado di interpretare il codice a barre presente sulla prima pagina di ciascun foglio per separare, indicizzare ed aggiungere metadati ai documenti.

Il progetto è ormai in fase di chiusura ma ha richiesto uno sforzo organizzativo notevole alle nostre strutture interne.

Inoltre sono molti i produttori di software (come noi) che ci contattano perchè vedono in SineKarta uno strumento complementare al loro e vogliono esplorare le possibilità  di collaborazione/partnership. Noi siamo molto aperti e collaborativi nei confronti dei possibili partner, SineKarta puù far crescere anche loro oltre che noi.

Con una di queste aziende, in particolare, stiamo collaborando in maniera più stretta per proporre una soluzione integrata di Protocollo Informatico.

Come? Non sapete cos’è il Protocollo Informatico? Vergogna! Andatevi a studiare questo articolo.

La decisione è stata sofferta ma alla fine abbiamo optato per lo spostamento in avanti di 2 mesi dei rilasci di SineKarta.

La nuova roadmap è consultabile qui.